Archive for Internazionale

Il debito perpetuo e odioso – Siamo davvero obbligati a pagare i debiti esteri contratti da governi antipopolari senza consultare i cittadini?

di Alessandra Ciattini - Ho scoperto una nuova nozione, certo nota agli economisti: “il debito perpetuo”, il quale non scade mai e né il debitore è obbligato a ripagarlo. Ovviamente, tuttavia, poiché questi non restituisce il denaro prestato, nel frattempo dovrà pagare gli interessi, che saranno superiori a quelli del mercato, perché l’operazione è altamente rischiosa per il creditore. Inoltre, nel caso in cui il debitore fallisca, il detentore del debito perpetuo sarà l’ultimo

Leggi tutto...

Il virus e la militarizzazione delle crisi

di Raúl Zibechi - La paura si diffonde a una velocità di gran lunga maggiore del coronavirus. Lo si è visto, con immagini impressionanti, in primo luogo nella provincia cinese di Hubei, dove 60 milioni di persone sono state rinchiuse in un territorio diventato per molti versi simile a quel che potrebbe essere un campo di concentramento ad alta tecnologia del nostro tempo. Mai si erano isolate in questo modo milioni di persone sane. Poi il controllo assoluto sulla libertà di movimento si

Leggi tutto...

Maxi-incendi in Australia: un “tipping point” climatico in diretta

di Daniel Tanuro - L’espressione “tipping point” designa il punto di oscillazione di un sistema da un regime d’equilibrio a un altro, il momento in cui non è più possibile impedire a dei cambiamenti quantitativi accumulati di provocare un cambiamento qualitativo. L’espressione è impiegata in svariati ambiti, dallo studio di una popolazione fino al cambiamento climatico, passando per le scienze sociali. Lo spettro del “pianeta stufa” L’evoluzione della calotta glaciale

Leggi tutto...

La crisi degli incendi in Australia

Il 10 gennaio scorso, decine di migliaia di persone in tutta l'Australia hanno manifestato contro l'insufficienza delle misure adottate in risposta all'emergenza degli incendi boschivi australiani e hanno chiesto le dimissioni del governo di coalizione di centro-destra del primo ministro Scott Morrison. Le proteste hanno espresso l'ostilità della gente comune al rifiuto dei successivi governi, laburisti e di centro-destra, di adottare politiche finalizzate a mitigare gli impatti degli incendi boschivi

Leggi tutto...

La crisi che verrà e l’ascesa del nazional-liberalismo

di Henri Wilno - I principali dirigenti politici ed economici del pianeta si aspettano e si preparano, in un modo o nell’altro, ad affrontare un forte rallentamento della crescita economica che potrebbe abbinarsi a una crisi finanziaria. Il tema della “crisi” è ovunque: sulla stampa e in una miriade di testi di analisi economiche, ma sovente senza che venga precisato di cosa si tratti esattamente. Talvolta, si fa riferimento a ciò che diversi economisti qualificano come “stagnazione

Leggi tutto...

Assassinio del generale Soleimani: contro l’imperialismo degli Stati Uniti e dei suoi alleati, in solidarietà con i popoli oppressi

Di Julien Salingue - L'assassinio del generale iraniano Qassem Soleimani da parte degli Stati Uniti il 3 gennaio a Baghdad è un fulmine in un cielo già molto poco sereno. E’ un passo grave fatto da Donald Trump, la cui conseguenza principale sarà di approfondire ulteriormente il caos nella regione. La risposta che arriva Qassem Soleimani era una figura essenziale nel regime iraniano. Comandante della forza Al Quds, l'unità d'élite delle Guardie rivoluzionarie, era considerato il

Leggi tutto...

IRAQ. Le proteste contro il sistema settario e per la giustizia sociale

Pubblichiamo questa interessante intervista a Sami Adnan, fondatore di “Workers Against Sectarianism”. «Le richieste della piazza – afferma Adnan – sono simili a quelle dei periodi precedenti, ma sono diventate più precise e mirate. Si va oltre l’appartenenza religiosa» - Alle proteste esplose ad inizio ottobre nelle maggiori città dell’Iraq il governo autoritario ha risposto con una violenta repressione. In trenta giorni di manifestazioni si contano già centinaia di morti e

Leggi tutto...

Bolivia: una rivolta popolare sfruttata dall’estrema destra

di Raúl Zibechi - La rivolta del popolo boliviano e delle sue organizzazioni è il motivo che in ultima istanza ha causato la caduta del governo. I principali movimenti di lotta avevano richiesto le dimissioni ancor prima che le chiedessero le forze armate e la polizia. L'OSA [l'organizzazione degli Stati americani] ha sostenuto il governo fino alla fine. La situazione critica che sta attraversando la Bolivia non è iniziata con la frode elettorale, ma con l'attacco sistematico del governo

Leggi tutto...

Hong Kong: la lotta della generazione dei millennial per l’autodeterminazione

Di Au Loong Yu Negli ultimi mesi, un’enorme ondata di lotte di massa è emersa a Hong Kong e ha attirato l’attenzione del mondo. Pubblichiamo questa intervista con il socialista di Hong Kong Au Loong Yu pubblicata in origine da Think Left, che ha intervistato attivisti sociali locali a Hong Kong al fine di consentire ai suoi lettori di comprendere cosa accade a Hong Kong da una prospettiva che va oltre i media tradizionali, analizzando le pratiche e le prospettive del movimento. Riteniamo

Leggi tutto...

Un grande disordine sotto i cieli

Di Raúl Zibechi* Le gigantesche mobilitazioni popolari a Quito, Santiago, Port-au-Prince, come pure quelle che sono comparse sulla scena europea e asiatica in questo autunno, evidenziano due cose: il potere che ha acquisito la mobilitazione popolare e le azioni collettive che sono in grado di scavalcare i governi, mettendo in discussione un modello che produce miseria in basso e lusso in alto. Il modello neoliberista ed estrattivista mostra evidenti segni di crisi. La stabilità dei governi

Leggi tutto...